UNA NOSTRA RICETTA

Prove che dimostrano l’antica provenienza del piatto sono tuttora incerte e al riguardo esistono diverse ipotesi, la più accreditata delle quali riconduce la sua comparsa, come Gricia e Amatriciana, ad un’origine laziale. Leggendo però quanto riportato da varie fonti un po’ di dubbi restano.

Leggi l’articolo completo CLICCANDO QUI

INGREDIENTI:

Ricetta per 6 persone:

600gr. di spaghetti

300gr. di guanciale di maiale stagionato

200gr. di pecorino romano DOP

6 tuorli d’uovo

Pepe in grani nero tostati

q.b. sale

PREPARAZIONE:

Tostare in una padella calda i grani di pepe nero, fin quando non inizieranno a scoppiettare e saltare (circa 5 minuti). Pestare quindi i grani in un mortaio o con un batticarne oppure metterli in un macinapepe.

Tagliare il guanciale a pezzi non troppo piccoli, farli tostare a fuoco basso in padella fin quando non si saranno dorati e ben sgrassati. Mettere da parte la metà del guanciale, tenendoli in caldo, lasciando anche il grasso nella padella.

Lessare gli spaghetti in abbondante acqua non molto salata.

Nel frattempo sbattere i rossi d’uovo e unirvi due cucchiai di acqua di cottura della pasta, un cucchiaio del grasso del guanciale, un po’ di pepe macinato ed un po’ di pecorino grattugiato a fori larghi.

Scolare la pasta al dente, conservando un bicchiere di acqua di cottura, versarla nella padella calda e amalgamare bene aggiungendo, se serve un po’ di acqua per creare una buona emulsione. Versare quindi la pasta in un’ampia ciotola con l’uovo e amalgamare bene, quindi aggiungere il pecorino continuando sempre a girare. Impiattare ed aggiungere i pezzi di guanciale precedentemente messi da parte ed il resto del pepe macinato


Client:
Date: Maggio 14, 2018
Service: